Lasciti testamentari

Fare testamento è un gesto di consapevolezza di chi vuole essere protagonista, nel presente e nel futuro, di una causa in cui crede e della vita della propria comunità. Con un lascito testamentario si salvaguardano gli interessi dei famigliari e si destinano con sicurezza e garanzia parte dei beni alla Fondazione di Comunità, lasciando un segno tangibile della propria generosità e responsabilità verso le generazioni future. Le disposizioni testamentarie a favore della Fondazione di Comunità sono esenti da qualunque imposta.

Come fare testamento

Il testamento olografo

Significa interamente scritto di proprio pugno e riportare in modo chiaro e semplice le proprie volontà. Deve essere datato e firmato e, se non è il primo e unico, è opportuno indicare che revoca tutti i precedenti.
Per evitare errori o imprecisioni che potrebbero creare successive contestazioni è necessario che la grafia leggibile e siano indicati i nomi dei beneficiari, l’elenco dei beni e delle quote destinate a ciascuno. Il testamento dovrà essere conservato in luogo sicuro.

Il testamento pubblico

Si intende quello redatto dal notaio (pubblico ufficiale) che trascrive le volontà dichiarate in presenza di due testimoni. Il testamento sottoscritto dal testatore, dai testimoni e dal notaio, viene conservato per legge presso lo studio notarile fino all’apertura. Il testamento può essere modificato e sostituito con un nuovo testamento in qualsiasi momento.

Cosa puoi lasciare

Fare un lascito nel tuo testamento alla Fondazione di Comunità significa destinare risorse, anche piccole, a favore di progetti sociali, culturali, ambientali compiendo così un gesto di solidarietà verso la tua comunità. La Fondazione si impegnerà a trasformare la donazione in aiuto concreto seguendo le volontà espresse. E’ possibile lasciare: una somma in denaro, un bene mobile (un oggetto prezioso come un quadro, un’opera d’arte o un gioiello), un bene immobile (come un appartamento, un terreno, un casale), l’intero patrimonio Un’altra modalità è la stipula di una Polizza Vita con l’indicazione del beneficiario in caso di morte. L’importo maturato che andrà al beneficiario indicato all’atto della stipula, non è parte del patrimonio ereditario e non è quindi soggetto alle quote di legittima.

Mettiti in contatto con noi

Carlo Marchetti

Vicepresidente Fondazione di Comunità Milano

presidenza@fcmilano.org

+39 02 37902520

I fondi solidali

Fondazione di Comunità Milano ti permette di creare un fondo solidale per realizzare i progetti e le volontà da te indicate nel testamento, e avere la garanzia di massima trasparenza, miglior impiego e continuità nel tempo. Lascia un segno che durerà per sempre.

icon-fondi